Piattaforma ecologica: tutto da rifare?

Da quando è entrata in funzione la nuova piattaforma ecologica, fresca di inaugurazione, ne ho sentito spesso parlare. E male. Mi sono chiesta se i miei compaesani non stessero esagerando. Pensavo: “E’ nuova. Ci hanno messo anni a sistemarla. Saranno i soliti lagnosi a cui non va bene nulla”.

Sabato scorso, armata di secchi con l’erba appena tagliata, parto in direzione piattaforma con Ia certezza di trovare conferma alle mie speranze.

All’ingresso mi trovo in coda ma, fiduciosa, penso “E’ sabato, tutti ne approfittano!”

Arrivo alla rampa. Non sono un’autista provetta ma, alla curva per salire la rampa, rischio davvero di lasciarci la fiancata.

Finalmente arrivo ai cassoni per scaricare i miei secchi e mi serve uno sforzo erculeo per riuscire a svuotarli perché il cassone è troppo distante dal parapetto e, se non si vuole far cadere il contenuto nello spazio vuoto, occorre davvero concentrarsi.


Si fa largo l’idea che le voci sentite in giro siano vere.

Do un’occhiata più approfondita e non posso che constatare che lo spazio di manovra delle auto è davvero troppo stretto, i cassoni sono distanti dal parapetto ed in qualche caso più alti, le auto parcheggiate negli appositi spazi bloccano il transito alle altre, la cartellonistica è poco visibile.

E allora mi arrabbio!

Mesi e mesi di disagi, con rifiuti sparsi ovunque e grandi difficoltà a depositarli nei corretti spazi di raccolta, nella convinzione che dopo tutto avremmo avuto una piattaforma ecologica nuova e finalmente efficiente.  Invece …

Invece si tratta dell’ennesima opera fatta male e costata troppo. Perché spendere 480.000 € dei cittadini (e non si venga a dire che se i soldi sono arrivati in parte dalla Regione non sono soldi dei cittadini..) per qualcosa che deve essere ancora “sistemato”?

Non male per essere l’unica opera interamente “voluta, pensata e fatta” dall’ Amministrazione uscente!

Con questi pensieri in testa raccolgo i miei secchi vuoti e la speranza di poter presto raccontare che qualcosa è cambiato.

CondividiShare on FacebookShare on LinkedInTweet about this on Twitter